Villa d’Este a Tivoli

Villa d’Este a Tivoli

©Bigstock.com/itsajoop

Quando si tratta del periodo rinascimentale, probabilmente si pensa ai capolavori architettonici, alla riscoperta degli antichi ideali greci e rinascimentali uniti alle conoscenze contemporanee del XV e XVI secolo. In realtà, il Rinascimento ha rivoluzionato molti aspetti tra cui l’arte della progettazione dei giardini. Il classico giardino all’italiana, solitamente progettato e realizzato insieme ad una villa, ha avuto un boom eccezionale. Solo pochi altri luoghi sono così monumentali e variegati come Villa d’Este nei pressi di Roma. Sia la villa che i giardini sono stati dichiarati Sito del Patrimonio Mondiale UNESCO nel 2001, ma un’importante nomina nel XVI secolo ha quasi impedito la sua costruzione.

Da candidato papale a maestro della progettazione dei giardini

Il Cardinale Ippolito II d’Este è stato il candidato francese in diversi conclavi tra cui l’elezione del 1549 e del 1550 e alla fine ha ceduto il posto a Papa Giulio III. Diventato Governatore di Tivoli, Ippolito trasformò un antico monastero benedettino in un palazzo a partire dal 1550. L’idea di costruire il giardino sulla collina sotto l’edificio monumentale è stata sviluppata abbastanza velocemente, ma ci sono voluti altri dieci anni per la sua realizzazione. Pirro Ligorio, un pittore e architetto napoletano, realizzò un meraviglioso disegno mentre l’architetto di corte Alberto Galvani si occupò di trasformare radicalmente l’intera vallata.

I lavori erano quasi terminati quando Ippolito morì nel 1572. Tuttavia, il progetto non era ancora completato. Il suo successore, il Cardinale Alessandro d’Este apportò sostanziali modifiche alla concezione di giardino, ristrutturando edifici e fontane. Il luogo è notevolmente peggiorato negli anni seguenti sotto la dinastia degli Asburgo. È stato soltanto nel 1851 che Gustav-Adolf Prinz zu Hohenlohe-Schillingfürst rimise in uso e ristrutturò completamente questa magnifica proprietà. Il compositore Franz Liszt diventò un habitué e tenne qui uno dei suoi ultimi concerti nel 1879. Villa d’Este fu restaurata accuratamente ancora una volta in seguito ai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. Da allora i lavori di manutenzione sono stati realizzati quasi continuamente. Non sorprenderti se durante la tua visita vedrai cartelli e tornelli.

La villa

Villa d’Este a Tivoli, UNESCO

©Bigstock.com/khunaspix

Prima di concentrarci sugli splendidi giardini, diamo un’occhiata alla villa, troppo spesso ignorata e trascurata. L’ingresso di oggi vicino a Santa Maria Maggiore è stato appena utilizzato al tempo di Ippolito. Invece, gli ospiti e i visitatori salivano al giardino scalinata per scalinata per guardarlo da lontano. Oltrepassato l’atrio con raffigurazioni del Vecchio Testamento e una sala con scene della vita di Re Salomone, si raggiunge l’ampio cortile con la fontana di Venere. Superato il salone, dove Ippolito doveva ricevere gente, si entra negli appartamenti del Cardinale. La sua camera da letto regala un meraviglioso panorama su tutto il giardino. Passeggiando lentamente attraverso il piano terra, ci si imbatte in innumerevoli sale riccamente decorate. Mosaici e dipinti murari dei più famosi artisti rinascimentali adornano queste sale sorprendenti e sfarzose. Ogni sala ha il proprio tema, come l’antica Grecia, alcuni personaggi biblici o scene di caccia.

I giardini

È tempo di andare all’attrazione principale, e che attrazione! Più di 500 fontane, ninfei, grotte e giochi d’acqua sono diffusi per i giardini di Villa d’Este. Essi utilizzano la pendenza incorporandosi perfettamente e in maniera più attraente nelle due zone principali. L’area principale del giardino, relativamente piatta, probabilmente nel XVI secolo aveva anche due labirinti. Ora è composta da numerosi piccoli giardini collegati da accessi a forma di balconi. Diversi scivoli, terrazze e gradini circondano il giardino posto in collina rendendo accessibile il pendio tramite un corridoio a volta con scorciatoie in corrispondenza delle fontane. E sotto tutto questo c’è un altro emozionante percorso incrociato con tre laghetti pieni di pesci, meravigliosi panorami e terrazze ancora più affascinanti.

Le fontane

Innumerevoli fontane fiancheggiano gli impressionanti giardini. C’è una quantità quasi incredibile di giardini ideati e da scoprire che vanno dalle Cento Fontane, un insieme di cento fontane lungo un unico viale, alle diverse fontane con raffigurazioni di animali, storiche, mitologiche e religiose. Per te, abbiamo preparato una selezione delle nostre preferite.

  • La Fontana dell’organo: la Fontana dell’organo è tra le più famose fontane del suo genere ed è stata riprodotta numerose volte in tutta Europa. È stato il primo organo d’acqua di tutti i tempi, ha stupito gli ospiti creando enormi turbamenti. I delicati meccanismi sono stati restaurati nel corso degli anni e sono stati resi di nuovo funzionanti nel 2003. L’organo d’acqua sicuramente ti stupirà, dalla sua monumentale architettura agli innumerevoli piccoli particolari e alle statue nascoste.
  • La Fontana di Proserpina: le statue di quattro Imperatori Romani – Giulio Cesare, Augusto, Traiano e Adriano – probabilmente all’inizio fiancheggiavano questa Fontana piccola ed ordinata. L’arco trionfale con le colonne tortili quasi simili a quelle della Cattedrale di San Pietro a Roma sono la testimonianza del progetto. Sfortunatamente, la statua dell’omonima Proserpina è andata perduta nel tempo
  • La Fontana della civetta: l’ideazione piuttosto formale della Fontana della civetta utilizza un simbolismo diverso. Decorazioni a mosaico attentamente posizionate, numerose figure più piccole e lo stemma degli Este sollevato da due angeli conferiscono alla fontana un aspetto di rappresentanza. Il meccanismo che riproduce il canto degli uccelli è stato ricostruito e installato in tempi recenti.
  • La Fontana dell’ovato: questa installazione ovale è stata una delle prime fontane ad essere completata. Il progetto del teatro d’acqua di Pirro Ligorio ha dato vita ad una montagna artificiale. La gente si incontrava nella Grotta di Venere sperando di poter passare più velocemente le calde giornate estive.
  • La Fontana dei draghi: per la Fontana dei draghi, Ligorio è stato ispirato dal mito di Ercole. Le statue raffigurano la raccolta dei pomi aurei nel Giardino delle Esperidi. Ladone, il drago guardiano dei pomi, è in un certo senso il personaggio principale della fontana dei draghi. A proposito, è possibile trovare altre raffigurazioni di Ercole e Ladone negli innumerevoli affreschi all’interno della villa.
  • La Fontana della Rometta: un modello in miniatura dell’antica Roma a forma di Fontana evidenzia uno dei luoghi più importanti del giardino. La Fontana di Rometta simboleggia il corso del Fiume Tevere dalla sorgente sugli Appennini fino all’approvvigionamento idrico della città. La montagna artificiale è stata aggiunta successivamente.
  • La Fontana di Nettuno: la più recente Fontana di Villa d’Este è stata realizzata soltanto nel XX secolo al posto di una cascata danneggiata. Attilio Rossi, intorno al 1930, ha trasformato i resti in una grandiosa fontana con alti ugelli. Ha riutilizzato la statua di Nettuno, pensata inizialmente per una diversa fontana incompleta, come pezzo centrale della Fontana di Nettuno.
  • Le cento Fontane: un viale con centinaia di fontane più piccole, Cento Fontane, si estende tra la Fontana dell’Ovato e la Fontana di Rometta. Anche se le decorazioni più ricche si sono rovinate o sono state ricoperte di muschio, è ancora possibile vedere le diverse maschere di pietra e le cascate che lambiscono quella che è probabilmente la passeggiata più bella del giardino.

 

Se ti piace camminare un po’, Villa d’Este con i suoi bellissimi giardini mozzafiato merita sempre una visita. È un’ottima meta durante la tua vacanza a Roma, dato che è ad est, a meno di un’ora dalla capitale italiana. Lasciati incantare da questo capolavoro rinascimentale – un’autentica esperienza sia dentro che fuori.

Comments are closed.